Sono punto d’appoggio, arma di seduzione, strumento privilegiato del movimento: preservare la bellezza e il benessere delle gambe è fondamentale.

La dieta per le gambe stanche e pesanti

Fondamentale è mantenere il peso ideale, infatti il sovrappeso aumenta i disturbi venosi: ecco alcune regole da rispettare a tavola.

  1. Limitare i cibi raffinati, come zuccheri, farina bianca e de­rivati, dolci, ma anche le bibite e i grassi sa­turi provenienti dal mondo animale e soprattutto il sale. Rispettare la stagionalità dei cibi in quanto la natura sembra fornirci gli alimenti opportuni proprio nel momento in cui ne abbiamo bisogno. Pensate all’effetto antidepressivo e antifame delle castagnein autunno e a quello drenarne sulla cistifellea operato dai  ravanelli in pri­mavera, momento in cui il fegato è maggiormente  a rischio. Importante è  la vitamina C che  rafforza le pareti venose e riduce il problema delle gambe gonfie.
  2. Più liquidi: l‘idratazionegioca un ruolo fondamentale perchè aiuta ad eliminare i ristagni di liquidi, a sgonfiare e a contrastare la cellulite che influisce, negativamente, sulla  Cerchiamo di bere di più fuori pasto.
  3. Più fibre: incrementare il consumo di fibre vegetali, soprattutto a crudo; sostituire il pane bianco con quello nero e cominciare sempre il pasto con un pinzimonio di stagione, arricchito con qualche seme oleoso come lino o girasole, sedano e olio evo: ci consente di iniziare i processi digestivi evitando che il pasto diventi uno stimolo nocivo, con immediata produzione di radicali liberi.
  4. Colazione ricca: fare una buona colazione del mattino, andando via via riducendo il cari­co calorico nella giornata per lasciare il pasto serale il più leggero possibile.
  5. Rinforzano l’elasticità delle vene i frutti di bosco: more, ribes, lamponi e soprattutto mirtilli. Se non disturba il sapore non trascurate aglioe cipolla che aiutano a fluidificare il sangue.

Rimedi naturali contro l’insufficienza venosa

Anche in fitoterapia i rimedi per le gambe gonfie, stanche, pesanti non mancano. Tra le risorse maggiori troviamo l’ ippocastano, la vite rossa e il pungitopo o rusco  piante che, grazie ai loro principi attivi, esplicano un’azione vasotonica,  angioprotettiva e antiedemigena;  il ginkgo biloba è un efficace antiossidante e antinfiammatorio, che migliora il microcircolo e inibisce l’aggregazione delle piastrine. In forma di compresse o capsule possono essere abbinate a creme o gel da applicare sulle gambe mattina e sera, con massaggi dal basso verso l’alto.

Il movimento contro gambe gonfie e pesanti

La cattiva circolazione e il ristagno venoso, più frequenti nel sesso femminile per l’assetto ormonale, sono infatti frequentemente figli di due eccessi: la vita sedentaria e le troppe ore trascorse in piedi. Approfittiamo così delle occasioni che si presentano nel corso della giornata per fare movimento: cerchiamo di camminare più possibile e a passo svelto e di prendere le scale abitualmente al posto dell’ascensore.

Ed infine alcune norme di stile di vita per la salute delle gambe

da seguire tutto l’anno, importanti anche a scopo preventivo.

  1. Sceglierecalzature comode e  riservare i tacchi alti alle occasioni speciali
  2. Ogni qual volta sia possibile, sdraiarsi appoggiando i piedi su un cuscino, in modo che siano sollevati di circa 15 centimetri dal resto del corpo, per favorire il ritorno del sangue al cuore. Dormire con un leggero rialzo sotto le gambe (è sufficiente un cuscino sotto il materasso)
  3. Coccolare le gambe con una doccia quotidiana che alterni acqua tiepida e acqua fredda, che rappresenta una vera e propria ginnastica vascolare
  4. Per insaporire carne e pesce privilegiamo le erbe aromatiche che hanno un effetto depurativo, tonificante e sgonfiante: aneto, rosmarino, pepe, cipolla, erba cipolline e scalogno
  5. Le verdure dal sapore amaro mettono k.o. la cellulite: tarassaco, cicoria selvatica, carciofo, cardo, radicchi. Per gli alimenti proteici, alla carne sostituisci il  pesce e i  frutti di mare:  sono fonti di iodio che, stimolando l’attività della tiroide, velocizzano il metabolismo consentendo di bruciare di più.

SGONFIARSI  CON UN DECOTTO: per alleggerire le gambe e   sgonfiare le cosce, bevi ogni giorno da mezzo litro ad un litro di  decotto di piccioli di ciliegia:  per la ricchezza in tannini e sali di potassio, hanno una fortissima azione depurativa e sgonfiante. Compra i piccioli dell’erborista e poi prepara la bevanda facendone bollire 30 g in un litro d’acqua per 10 minuti. Spegni il fuoco, lascia riposare ancora  per 5  minuti, quindi filtra e versa in una bottiglia di vetro scuro  che porterai con te, pronta da stappare in ogni momento di pausa,  durante la giornata.

Un cestino di lamponi a merenda per gambe più belle e in salute